Acqua pubblica: la Regione vuol sostituire lo Stato