“Nelle seconde case solo per ragioni di lavoro, necessità o salute”